closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una favola dal gusto disobbediente

Pedagogia. Anticipiamo la postfazione del curatore di «Pinocchio alla rovescia» di Rubem Alves, da oggi in libreria per la casa editrice Marietti 1820

Il sipario si chiude, le luci sono spente, la scena resta vuota, l’atmosfera irreale, ma viva, aperta nell’anima grazie alle parole del narratore: uno degli ispiratori della teologia della liberazione, autore poliedrico, educatore, psicoanalista, scrittore di libri per l’infanzia, Rubem Alves, con Pinocchio alla Rovescia (che esce oggi per la casa editrice Marietti 1820, ndr), crea una favola non convenzionale, in cui crolla la trama del confronto tra bene e male che canonicamente vedrebbe come epilogo il colpo di scena finale e la vittoria del bene. LA DOPPIA, o meglio, complessa ed enigmatica morale del Pinocchio rovesciato da Rubem Alves...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi