closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Stefano Rodotà: una falsa democrazia anticipa il nuovo regime

Intervista a Stefano Rodotà. «Il premier Renzi governa come se ci fossero già l’Italicum e la nuova Costituzione. Il presidente Mattarella non distoglierà lo sguardo da questa situazione. Il bipolarismo crolla ma non c’entra il populismo. I partiti non sanno più leggere la società»

Roma, in piazza per la difesa della costituzione

Roma, in piazza per la difesa della costituzione

«Il populismo è una spiegazione troppo semplice. I partiti tradizionali non riescono più da tempo a leggere la società. Non è populismo, è crisi della rappresentanza». L’intervista con Stefano Rodotà comincia dal giudizio sui risultati elettorali in Francia e Spagna. «In entrambi i casi il bipolarismo va in crisi. Ma in Francia il fenomeno assume tinte regressive. Lì il Front National coltivava da tempo il disegno di sostituirsi ai due grandi partiti in crisi, ed è stato facilitato dalla rincorsa a destra di Sarkozy e Hollande, che hanno finito per legittimare Le Pen. In Spagna Podemos ha interpretato un movimento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi