closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Una dispersione da incubo

Fate i cattivi. Da oggi è in edicola un dossier dedicato all'istruzione. Qui un focus sui «Neet», quei giovani not in education, employement, training, che la scuola abbandona al loro destino

Nonostante non ci sia governo che non si riempia d’orgoglio per una qualche riforma sulla scuola con cui (in genere) getta nel caos docenti, famiglie e studenti, in Italia in pochi sembrano accorgersi di un fenomeno preoccupante: negli ultimi quindici anni, quasi tre milioni di ragazzi e ragazze (più maschi che femmine, più alunni degli istituti professionali che dei licei, più al sud che al nord, più stranieri che nativi) abbandonano le superiori, spesso soltanto al secondo anno, facendo lo slalom anche rispetto a quell’obbligo per l’istruzione stabilito all’età di 16 anni. Fra una legge e l’altra che reimmagina le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi