closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’attacco al welfare che viene dai Chicago Boys

Dopo quasi trenta anni di ritorno al parlamentarismo, dopo la dittatura di Pinochet, solo alcuni giorni dopo nei quali il presidente Piñera vantava la tranquillità «da oasi» del proprio paese rispetto al resto dell’America latina, il Cile assiste a scene che ricordano sinistramente gli anni Settanta. Militari nelle strade, il coprifuoco, lo stato d’emergenza. Dopo il ciclo di manifestazioni studentesche avvenute durante il primo mandato di Piñera (2010-14) non si erano più visti segni di un disagio così tangibile e sanguinoso. Perché ora? E per quale motivo? Tutti i media riportano il fatto che a scatenare le proteste sia stato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.