closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Una condanna che ci fa tornare al Medioevo

Nessuno ha salvato il soldato Manning, cui il tribunale militare ha inflitto 35 anni di prigione e il congedo con disonore per aver fornito a Wikileaks 700.000 file secretati inerenti alle attività diplomatiche e militari degli Stati Uniti «all around the world». In realtà, si tratta di verità indicibili sulle guerre in Iraq e in Afghanistan. E il documento forse più clamoroso è il video «Collateral murder», che testimonia come nel luglio 2007 un elicottero americano Apache abbia sparato a morte sui civili, tra i quali un padre che portava i figli a scuola e due cameraman della Reuters. Insieme...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi