closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Una colomba con «slanci» da falco. Fumio Kishida e le relazioni fra Tokyo e Cina

Giappone. Come Ministro degli esteri ha lavorato alla distensione dei rapporti con Pechino. Ora dovrà navigare la crisi economica e affrontare il nodo dei diritti umani

"Va bene in tempo di pace, non per tempi difficili". Il vicepremier Taro Aso lo aveva bollato così nel 2020, quando aveva scelto di votare per Yoshihide Suga e non per lui alle elezioni interne del partito liberaldemocratico. Poco più di un anno dopo, Fumio Kishida è diventato il primo ministro in pectore. Eppure, il Giappone sembra ancora navigare in acque turbolente. Quantomeno nelle sue relazioni con la Cina, che l'anno prossimo compiranno il cinquantesimo anniversario. Kishida è considerato una "colomba", non particolarmente incline alla revisione della costituzione pacifista che ha anzi più volte lodato. Diplomatico esperto, nei suoi oltre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.