closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Una botta di stabilità da 36 miliardi

Legge di stabilità. Pronta la prima finanziaria Renzi: tagli a Regioni, Comuni e ministeri. La riduzione Irap, «sogno» delle imprese, minaccia la sanità. Ammortizzatori e incentivi per far dimenticare l’articolo 18

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan e il premier Matteo Renzi

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan e il premier Matteo Renzi

La legge di stabilità si è presa tutta la serata di ieri, per un consiglio dei ministri iniziato alle 19,54, dopo diversi rinvii (era stato convocato per le 15, successivamente è slittato alle 18). Un po’ a causa di un vertice sull’ebola, ma forse soprattutto perché per l’intera giornata si è tentato di "limare" un testo che appare azzardato. E dalle cifre crescenti: uscendo da Palazzo Chigi, il premier Matteo Renzi ha confermato che «sarà di 36 miliardi», ben 6 in più di quelli annunciati dallo presidente del consiglio all’assemblea di Confidustria di Bergamo. Renzi ha confermato anche «una riduzione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.