closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una bomba a orologeria per l’amministrazione Usa. E non solo

Responsabilità. L'invio di armi nei paesi in conflitto

La vicenda delle bombe italiane e dei crimini di guerra in Yemen solleva alcuni pesanti interrogativi. Il primo: inviare bombe all’Arabia Saudita equivale a fare la guerra per interposta persona contro il Daesh in Yemen? Che l’invio di armi a paesi in conflitto fosse considerato una «soluzione win-win» per la quale da una parte si partecipa alla guerra senza inviare «scarponi sul terreno» e dall’altra si privilegia la crescita del settore industriale degli armamenti, è chiaro. Un articolo uscito nel luglio scorso sul New Inquirer e intitolato «Recoil operation» approfondisce la questione del commercio legale e illegale di armi leggere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi