closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un viaggio di pace tra gli «oppressi dei bassifondi»

L'Africa di Francesco. Tra guerre civili, povertà e terrorismo islamico

Tra ingenti misure di sicurezza e allerte dell’intelligence che avrebbe preferito che restasse in Vaticano, è iniziato ieri il viaggio di papa Francesco in Africa (dove la chiesa cattolica è in rapida crescita con un aumento dei fedeli previsto per il 2050 di circa mezzo miliardo e dei musulmani a 670 milioni). Ad accoglierlo allo Jomo Kenyatta International Airport di Nairobi c’erano il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, il governatore della capitale Evans Kidero, il cardinale Nju al seguito di vescovi e suore. È la prima volta di Francesco in Africa e a dargli il benvenuto c’erano oltre alle autorità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi