closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un vagabondaggio negli spazi siderali. L’inizio del Mito

Musica. La scomparsa dell'artista siciliano: gli anni settanta o della sperimentazione elettronica e contemporanea

Franco Battiato

Franco Battiato

La dimensione del sogno, del viaggio, anche solo del viaggio sognato, dentro l’evanescenza, la corsa evanescente della musica – particelle, atomi sonori in corsa in un intervallo di tempo a disegnare flussi cosmici, lo spazio in cui ancora siamo, pensiamo –; è l’ecosistema in cui si muove Battiato negli anni Settanta, tra Stockhausen, influssi filosofici e letterari, l’affiorare di armoniche improvvise a ottundere i suoni cuneiformi della sperimentazione, che da allora non lo lasceranno più. È un invito al viaggio, come canterà poi in Fleurs partendo da Baudelaire; un vagabondaggio negli spazi siderali del cosmo in cui risuonano attriti molecolari,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi