closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Un tono da coro tragico trasferito a Hollywood

Sceneggiature. Un procuratore (nel film, Fassbender) incappa in un affare di droga: ma il «copione» dello scrittore americano riesce a violare tutti i canoni cinematografici

Se, come dicono, le colline di Hollywood sono fatte di cadaveri di scrittori, difficilmente Cormac McCarthy farà mai parte di quella infelice schiera. Comparato alle disgrazie di chi lo ha preceduto, il suo caso rappresenta un’eccezione. L’esempio funesto che solitamente si porta per illustrare i tormentati rapporti degli scrittori con l’industria del cinema è quello di Fitzgerald, che però fa anch’esso storia a sé, seppure per opposti motivi. Quando tentò di risollevare le proprie sorti dandosi alla sceneggiatura, l’autore del Grande Gatsby era infatti sull’orlo di un tracollo emotivo e finanziario; il suo fu dunque un fallimento per molti versi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.