closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un terzo dei raid sauditi contro siti civili yemeniti

Yemen. Degli 8.557 bombardamenti in 18 mesi 3.158 hanno colpito ospedali, scuole, moschee, mercati, ma non hanno la stessa attenzione dei convogli di aiuti in Siria. I parlamenti di Usa e Gran Bretagna mettono in discussione la vendita di armi

Civili in Yemen

Civili in Yemen

Mentre il mondo si indigna per i convogli umanitari e le cliniche bombardate in Siria, mentre l’Onu accusa il presidente Assad di stragi e massacri, poco più a sud è in corso da un anno e mezzo una carneficina di civili e il regolare bombardamento di scuole, ospedali, moschee, fabbriche, siti archeologici. Eppure non ci si indigna perché la carneficina in questione è guidata da uno Stato considerato alleato occidentale e meritevole dell’omertà globale, l’Arabia Saudita. E perché è realizzata con il sostegno decisivo di chi le armi le vende, Stati Uniti, Gran Bretagna e Italia in prima linea: Riyadh...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi