closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Un sindaco gaio, il Pride di Roma comincia qui

Lgbtqi. L’Onda dell’orgoglio omosessuale e trans comincia dalla Capitale. Duecentomila persone invadono la città: «Diritti, matrimoni gay e norme contro l’omofobia».

Il sindaco, Ignazio Marino, al Roma Pride 2014

Il sindaco, Ignazio Marino, al Roma Pride 2014

Ci hanno messo la faccia e pure i corpi. Diciassette per l’esattezza. Un po’ troppo sobri, forse, per il gran carnevale che sfila sui carri come ogni anno e invade le strade della capitale, ma l’effetto dei quindici presidenti di municipio con le loro fasce giallorosse, incordonati al sindaco Ignazio Marino e al suo vice Luigi Nieri in apertura della parata, tra le bandiere sventolanti degli atei dell’Uaar e del Circolo Mario Mieli, vale tutto il Pride. Sono loro, per una volta, l’orgoglio di una città finalmente normale. Ci sono voluti vent’anni per ottenere qualcosa che nel mondo evoluto è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.