closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Un segno rivoluzionario, piazza Tahir

Intervista. Ganzeer, il graphic designer costretto all’esilio per non scomparire nelle carceri

Primo anno della rivoluzione egiziana, gennaio 2012

Primo anno della rivoluzione egiziana, gennaio 2012

25 gen 2011, dopo la Tunisia un grido si alzava quasi sottovoce nelle strade che convergevano verso piazza Tahrir, la marcia andava avanti imperterrita sui ponti sopra il Nilo affrontando i lacrimogeni, le pallottole di gomma e gli idranti dai furgoni della polizia. Tahrir non era solo una meta da raggiungere, era un punto d’inizio che avrebbe sconvolto per sempre la vita di molti egiziani. 18 giorni di lotte, di morti con gli scontri con la polizia o con i batagheyya, gli scagnozzi da quattro soldi che gli agenti segreti dell’ex presidente Mubarak aveva assoldato per spaventare i dimostranti. Più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.