closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

«Un rifugiato che paga al posto di un trafficante: il colmo per la giustizia europea»

Abbaglio Generale. Intervista a Don Mussie Zerai, l’«angelo dei profughi»

L'arresto del presunto trafficante di essere umani

L'arresto del presunto trafficante di essere umani

«Se il ragazzo arrestato a Palermo non è il supertrafficante Yedhego Mered, sarebbe un fatto gravissimo. Un orrore per l’Europa che chiude le porte ai rifugiati». Sul caso dell’eritreo catturato a Khartum e sull’ipotesi di un «clamoroso scambio di persona», interviene Don Mussie Zerai, l’«angelo dei profughi», candidato al premio Nobel per la Pace nel 2015 per l’aiuto dato a migliaia di migranti africani e voce della comunità eritrea nel Vecchio Continente. Don Zerai, che vive tra l’Italia e la Svizzera, è nato ad Asmara, come il giovane estradato in Italia, da dove è fuggito nel 1992, appena diciassettenne, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi