closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un rapporto oscuro

Mostre. «Bologna dopo Morandi 1945- 2015», in corso a Palazzo Fava, nella città emiliana: una esposizione che, in realtà, mette in evidenza come tra artista e luogo natale non ci siano state molte relazioni

Avendo visitato la mostra Bologna dopo Morandi 1945- 2015 in corso a Palazzo Fava, a Bologna, risulta lampante che tra l’artista e la città non ci sia stato, né c’è alcun rapporto sensibile profondo. Il titolo che recita «dopo Morandi» con la data 1945 può ingannare: in realtà, il «dopo Morandi» iniziò nel 1964, quando molti credettero che il Morandi morto fosse Gianni, cantante assai più popolare e simpatico, e fu vera, ignorante commozione. Giorgio, l’artista era piuttosto schivo e ingeneroso. I giovani che gli si affidarono non ebbero da lui che poco; nessuno lo ricorda prodigo, ma chiuso in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.