closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un racconto di intime complicità

Scaffale. «Luis Sepúlveda. il ribelle, il sognatore» di Bruno Arpaia, per Guanda. Si restituisce l’intreccio di una vita così ricca da sembrare un romanzo: dall’infanzia a contatto con la cultura Mapuche alla militanza politica fino all’esilio in Europa

Luis Sepúlveda

Luis Sepúlveda

Bruno Arpaia ha scritto un libro toccante, un racconto intimo che ci regala frammenti di un’amicizia intensa e la storia della vita di un uomo straordinario, giornalista e scrittore tra i più letti di sempre, Luis Sepúlveda. L'amicizia tra i due è durata un quarto di secolo, dal primo incontro alla Semana Negra di Gijon, a metà degli anni Novanta. Fu in quella occasione che Sepúlveda, firmando un autografo ad Arpaia, gli disse: «Chiamami Lucho. È così che mi chiamano gli amici. E io e te, a pelle, saremo grandi amici». Lo sono rimasti per sempre, fino alle 10.42 del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi