closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un presepe swing

Note sparse. Anche il mondo del jazz si è rivolto al repertorio natalizio. Ultimo arrivato un curioso quanto riuscito omaggio di Paolo Fresu

Paolo Fresu

Paolo Fresu

Il Natale da tempo ha perso i suoi connotati esclusivamente religiosi ed è più largamente la festa laica degli affetti familiari. Nessuno rinuncia al pranzo in famiglia, ai regali, a quell’atmosfera di calore e predisposizione agli incontri conviviali. Se ne facciano una ragione i fondamentalisti cattolici che vorrebbero crocifissi e presepi in ogni aula scolastica: il Natale non è solo cosa loro. Le canzoni natalizie sono sempre state un buon affare per l’industria discografica e per rendere l’idea basti citare quella White Christmas scritta nel 1940 da Irving Berlin e a tutt’oggi la canzone più venduta di sempre nell’interpretazione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi