closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un politico “senza fortuna”

Giacomo Matteotti. Una figura rilevante di leader e intellettuale socialista, relegata però ai margini della storiografia del movimento operaio. Un estratto dalla prefazione all’ultimo volume delle sue opere pubblicate da Pisa University Press con la cura di Stefano Caretti.

"Mussolini", un'opera di Diego Rivera

Il capitolo della sfortuna di Matteotti si basa su ragioni politiche e culturali più complesse, che forse è utile affrontare partendo non dalle numerose banalizzazioni che diverranno correnti, ma dal fraintendimento più illustre e significativo, da cui trarranno origine molte semplificazioni successive. Facciamo riferimento al profilo di Matteotti scritto da Piero Gobetti, da molti punti di vista una pietra miliare nella “fortuna” di Matteotti: perché è un saggio di alta scrittura, scritto da un grande intellettuale, e perché sarà per moltissimi anni praticamente l’unico strumento a disposizione del lettore italiano. Riletto oggi ci rendiamo conto di trovarci di fronte a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi