closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Un patto tra Berlusconi e i boss, con la mediazione di Dell’Utri»

Palermo. Le motivazioni della condanna dell'ex senatore

Per un ventennio Marcello Dell’Utri ha avuto rapporti con la mafia, praticando una serie di comportamenti «tutt’altro che episodici, profondamente lesivi di interessi di rilevanza costituzionale e agendo in sinergia con l’associazione mafiosa». E’ scritto nero su bianco nelle motivazioni depositate dalla terza sezione della corte d’appello di Palermo, che ha condannato l’ex parlamentare di Forza Italia e del Pdl a 7 anni di reclusione. La stessa pena gli era stata inflitta nel precedente processo di secondo grado, rimandato dalla Cassazione ad altra sezione d’appello affinché approfondisse il periodo tra il 1978 e l’82, quando Dell’Utri aveva formalmente chiuso il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi