closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un pantano di gas e pallottole

Ucraina. Yulia Tymoshenko, sconfitta alle presidenziali, chiede un referendum sulla Nato

Donetsk, chekpoint dei filo-russi

Donetsk, chekpoint dei filo-russi

Petro Poroshenko, oligarca. Vitali Klitschko, ex pugile. Il ticket elettorale dell’Ucraina della Majdan ha sbaragliato il campo. Poroshenko è stato eletto presidente con ampio margine di voti. A scrutinio chiuso dovrebbe incassare il 55% delle preferenze. Klitschko, che inizialmente aveva manifestato ambizioni presidenziali, salvo poi dare campo a Poroshenko e regalargli tutta la sua dote di voti, è stato invece eletto sindaco di Kiev. Con una percentuale analoga a quella di Poroshenko. Diversi analisti hanno visto nella vittoria dell’oligarca un possibile pertugio per la ricerca della pace. Ma, almeno a giudicare da quanto successo ieri a Donetsk, il quadro tende...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi