closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

«Un paese unito»: Teheran libera Mousavi e Karrubi

Iran. Crisi economica, accordo sul nucleare a rischio, proteste: la Repubblica Islamica ha bisogno oggi di mostrarsi unita, di cancellare il divario tra la politica e un popolo sempre più laico. E rilascia i simboli dell'opposizione al conservatore Ahmadinejad

Mehdi Karrubi

Mehdi Karrubi

«I tre leader del movimento verde d’opposizione non hanno commesso alcun reato e infatti non c’è stato un processo, e poi in questo momento è indispensabile serrare i ranghi per colmare il divario tra il popolo e la politica». È con queste parole che Jamileh Kadivar, deputata riformista al tempo di Khatami, spiega la decisione del Consiglio supremo della Sicurezza Nazionale di liberare Mir-Hossein Mousavi, sua moglie Zahra Rahnavard e Mehdi Karrubi. Il loro rilascio, annunciato dal figlio di Karrubi, era stato uno degli slogan elettorali del presidente Hassan Rohani, nel 2013. Ora, a dire l’ultima parola sul loro destino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.