closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Un nuovo fronte: portare il referendum alla Consulta

Ricorso. Il quesito unico è incostituzionale, sostiene il pool di avvocati che ha già abbattuto il Porcellum. Udienza urgente il 6 ottobre davanti al tribunale civile di Milano

La Corte costituzionale

La Corte costituzionale

La Corte costituzionale che ha rinviato la decisione sull’Italicum a dopo il referendum per cercare di tenersi lontana dalle polemiche politiche, potrebbe paradossalmente vedersi recapitare un quesito di costituzionalità che riguarda direttamente il referendum sulla riforma. Ritorna il problema del quesito unico, quello cioè che tra fine novembre e inizio dicembre chiederà agli elettori di rispondere con un Sì o un No a una legge di oltre 40 articoli che revisiona la Costituzione in parti assai diverse. Un solo Sì o un solo No all’abolizione del Cnel, alle nuove competenze del senato, ai senatori non eletti direttamente dal popolo, ai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi