closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un j’accuse contro Berlinguer

Saggi. Un leader antimoderno, ostile alle riforme. Una tesi già nota riproposta senza nessuna novità di rilievo. «Berlinguer in questione» di Claudia Mancina per Laterza.

Mi sono avvicinato con curiosità ed interesse a questo libretto di Claudia Mancina (Berlinguer in questione, Laterza, pp. 140, euro 12) per due motivi. Innanzitutto perché, tenuto conto dell’iter politico dell’autrice, la sua dichiara avversione politica per Berlinguer mi pareva intellettualmente più onesta della mistificazione agiografica di coloro che, lontanissimi, anzi opposti, rispetto alla cultura ed alle prospettive berlingueriane, commemorano oggi l’immagine consolatoria della loro perduta giovinezza. Di coloro che, tramite la costruzione di una sacra icona, tentano di dare onorabilità ad una delle storie più comuni e consunte della vita politica: rivoluzionari da giovani, cinici conservatori, soprattutto di loro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi