closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Un genocidio low cost

Storie. La Germania ha ammesso lo sterminio pianificato degli Herero nell’attuale Namibia, ma sostiene di aver già pagato il suo conto con gli investimenti fatti nel paese africano. I discendenti delle vittime non la pensano così e chiedono l'indennizzo diretto a un tribunale di New York

Deutsch-Südwestafrika, 1904. Prigionieri herero in un campo di concentramento tedesco

Deutsch-Südwestafrika, 1904. Prigionieri herero in un campo di concentramento tedesco

Quando nell'ottobre del 1904 il generale Lothar von Trotha mette per iscritto che «all'interno dei confini coloniali tedeschi tutti gli Herero, che siano armati o meno, devono essere abbattuti», il più era già stato fatto. L’annus horribilis per le popolazioni dell’attuale Namibia era infatti iniziato con l’ennesima rivolta contro gli espropri indiscriminati condotti ai danni di due comunità di allevatori, gli Herero e i Nama, che nei secoli addietro avevano a loro volta spinto un po' più in là, verso il deserto, gli autoctoni San. La loro colpa è quella di occupare le terre più fertili, sull'altopiano centrale di quella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.