closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Un esercito di poveri in cerca di risposte strumentalizzato da tutti

Workfare all'italiana. Nel rapporto 2018 la Caritas attesta un aumento del 182% dei poveri avvenuto negli anni della crisi e chiede al governo di tenere conto dell'esperienza del "reddito di inclusione" (ReI) nel nuovo sussidio di povertà chiamato "reddito di cittadinanza". Di Maio: "Le nostre misure sono grandi passi per sconfiggere questa piaga, Cinque milioni di poveri contano più di Juncker e Moscovici". Ad un'analisi meno propagandistica, le differenze tuttavia sfumano. Nel ReI e nel nuovo sussidio prevale un approccio disciplinare alla povertà, mentre incerti restano i risultati

Un «esercito di poveri» che «non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un’allarmante cronicizzazione». Questa è l’immagine usata dalla Caritas nel Rapporto 2018 sulla povertà e sulle politiche di contrasto presentato ieri a Roma in occasione della giornata mondiale di lotta contro la povertà. Nel nostro paese il numero dei «poveri assoluti» - gli individui che non possono spendere più di 554 euro in un piccolo comune del Sud, 817 in una grande città del Nord - «continua ad aumentare» e ha raggiunto il record di 5 milioni e 58 mila individui poveri, 1 milione 208...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.