closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Un decreto pieno di incongruenze», le associazioni chiedono modifiche

Femminicidio. Critiche di donne e giuristi alla nuova norma: arretrata rispetto alle direttive Ue. Molti i dubbi emersi nelle audizioni alla camera

La presidente della camera Laura Boldrini

La presidente della camera Laura Boldrini

Il decreto sul femminicidio sembra ormai un treno in corsa, un treno che potrebbe deragliare e a cui la stessa la società civile sta chiedendo di rallentare. In vista dell’approdo in aula per il 20 settembre – e con la scadenza per la presentazione degli emendamenti fissata a lunedì prossimo - le audizioni delle associazioni nelle commissioni giustizia e affari costituzionali della camera hanno chiesto ieri una maggiore riflessione e un’apertura verso un’azione più complessa e ampia. Un problema di cui Lunetta Savino, a nome di Snoq Factory, ha dato bene il senso, dicendo che «la violenza sulle donne riguarda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi