closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un «Cubo bianco» per inventare nuove economie

SPAZI RESISTENTI. Il progetto White Cube nasce dal lavoro dell’artista sui rapporti tra colonialismo e sistema dell’arte. Costruito in una piantagione di olio di palma a Lusanga, afferma una trasformazione egualitaria del territorio. La sua storia è ora un film

White Cube è un termine universalmente utilizzato per indicare gli spazi espositivi e le gallerie d’arte in occidente. È anche il titolo che Renzo Martens ha dato al suo film, la particolarità però è che il Cubo bianco di cui si occupa è stato costruito in una piantagione di olio di palma a Lusanga, a circa 650km da Kinshasa, in Congo. IL LUOGO è significativo perché è lì che in epoca coloniale, all’inizio del Novecento William Lever ottenne gratuitamente dal governo belga l'accesso alle piantagioni di olio di palma per stabilirvi le proprie fabbriche. Piantagioni che fanno capo alla Unilever,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.