closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un cinema attraversato dalla musica e dalle onde del mare

Intervista. Suoni e memoria, la Sardegna, la trasmissione dei mestieri. Parla il regista Gianfranco Cabiddu

«Non esiste un cinema sardo: ognuno di noi fa il suo cinema, semmai ci accomuna l’ambientazione dei nostri film sull’isola». Il regista cagliaritano Gianfranco Cabiddu si oppone a una visione restrittiva, da riserva indiana, del cinema che nasce in Sardegna o che viene fatto sull’isola - la location privilegiata della sua cinematografia a partire dall’opera prima di trent’anni fa - Desamistade - passando dal Figlio di Bakunin fino all’adattamento shakespeariano che l’anno scorso gli è valso il David di Donatello alla miglior sceneggiatura non originale: La stoffa dei sogni, ambientato sull’isola dell’Asinara, meraviglia paesaggistica a lungo tagliata fuori dal mondo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.