closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un calcio all’occupazione, la squadra di mutilati di Gaza

Striscia di Gaza. A Deir al Balah è nato un team formato da palestinesi feriti durante l'offensiva israeliana Margine Protettivo del 2014 e ai quali è stata amputata una gamba. A loro potrebbero aggiungersi i disabili del fuoco dei cecchini israeliani contro la Grande Marcia del Ritorno.

Si chiamano gli "Eroi", non per presunzione, lo sono davvero. Superando il trauma ‎dell'amputazione di una gamba e le perplessità iniziali di parenti e amici, 14 giovani ‎palestinesi feriti nei bombardamenti aerei israeliani del 2014, hanno dato vita a una ‎squadra di calcio di mutilati a Deir al Balah, a sud di Gaza city. «Sono ragazzi ‎eccezionali, hanno una grande forza, non solo fisica», dice Fuad Abu Ghalion, 61 ‎anni, che in collaborazione con l'Organizzazione per la Riabilitazione dei Disabili, ‎ha dato vita tre mesi fa all'Associazione Calcio Amputati. «Sono giovani – spiega - ‎desiderosi di vivere e divertirsi, nonostante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi