closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un calcio al razzismo via social

Sport. Dal mondo del pallone arrivano iniziative di contrasto alla furia di episodi di intolleranza in Rete, specialmente sulle piattaforme

Il boicottaggio dei social media contro i ripetuti casi di abusi e razzismo online. Dal calcio, finalmente, arrivano iniziative di contrasto alla furia di episodi di intolleranza in Rete, specialmente sulle piattaforme social. Lo Swansea, club gallese della seconda serie inglese (Championship), dall’8 aprile ha deciso di sospendere l’aggiornamento di contenuti sui suoi profili ufficiali (Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, Snapchat, YouTube e TikTok). Il silenzio digitale per sostenere la battaglia contro abusi e discriminazioni in Rete. Una decisione concordata tra staff tecnico, calciatori e dirigenza, sostenendo l’hashtag #EnoughIsEnough, con il club che ha anche inviato una lettera al Ceo di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi