closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Un ballo di maschere per comprendere i «Panama Papers»

Cinema. Su Netflix il film di Soderbergh, viaggio nell’impero di «conchiglie vuote» eretto da Mossack e Fonseca. Gary Oldman e Antonio Banderas sono i due avvocati al centro dello scandalo, Meryl Streep la loro «vittima»

In Panama Papers, Steven Soderbergh ha un problema pedagogico di primo rilievo: come far amare una lezione di economia contemporanea, con l’aggiunta di un serio problema di diritto privato internazionale, il tutto attraverso lo studio di circa 11 milioni di pagine di documenti, noti con il nome di Panama Papers, certo evocativo, ma non esattamente una crociera di piacere? ECCO CHE il nostro ormai vecchio capofila del fu cinema indipendente americano ci invia non uno, ma ben due professori di quelli che tutti avrebbero voluto vedere in cattedra: Gary Oldman e Antonio Banderas. Il primo simula l’accento teutonico dell’avvocato Jürgen...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.