closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un anno di legge sulla sicurezza nazionale: Hong Kong sempre più simile a Pechino

100 anni di Pcc. Il dissenso politico e civile si è spento in città tra arresti e candidati «patriottici»

Quando i manifestanti di Hong Kong il 21 luglio 2019 hanno imbrattato con vernice nera l’emblema dello stato cinese che campeggia l’ingresso del Liaison Office di Hong Kong, il principale ufficio dell’autorità cinese, Pechino ha visto in pericolo la sua pretesa sulla città. Nell’anno in cui migliaia di hongkonghesi sono scesi in strada, spinti dall’esigenza di frenare l’approvazione del disegno di legge sull’estradizione in Cina, e dalla richiesta di maggiore democrazia, il Partito comunista cinese stava lavorando a una misura per porre fine ai disordini della città, indicane una traiettoria futura. POCO PRIMA della mezzanotte del 30 giugno 2020, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.