closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un anno di califfato e Obama non ha strategie

Isis. Ad un anno dalla conquista di Mosul, lo Stato Islamico controlla un terzo dell'Iraq e quasi metà della Siria. Gli Usa accusano Baghdad, mentre video segreti mostrano la sofferenza dei civili iracheni sotto l'Isis

Miliziano dello Stato Islamico

Miliziano dello Stato Islamico

Un anno fa, il 10 giugno 2014, lo Stato Islamico ha occupato la seconda città irachena, Mosul. Sono bastate 24 ore per veder sventolare le bandiere nere sui tetti della città. Da Mosul è partita la vittoriosa marcia di al-Baghdadi, che di lì a poco si sarebbe proclamato “nuovo califfo”. È trascorso un anno: oggi l’Isis controlla un terzo dell’Iraq e quasi metà della Siria, minaccia la Libia, compie attentati in Yemen e Arabia saudita e gode della fedeltà dichiarata di 35 gruppi in Africa e Medio Oriente. Eppure, dopo 12 mesi, la comunità internazionale non ha strategie. A subirne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.