closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Un altro po’ d’inferno per l’ultimo Angola 3

Stati uniti. Dopo ben 42 anni di soprusi e cella di isolamento, Albert Woodfox stava per essere liberato. Ma la vendetta per la sua militanza politica in carcere continua. Con Robert King e Herman Wallace negli anni 70 formava la celebre e combattiva cellula carceraria delle Pantere nere

Un murale dedicato ai cosiddetti

Un murale dedicato ai cosiddetti "Angola 3"

Questa settimana un giudice federale ha ordinato la scarcerazione di Albert Woodfox dal penitenziario della Louisiana in cui è rinchiuso da oltre 40 anni. Sembrava infine la conclusione di una vicenda emblematica dei soprusi cui vanno incontro i detenuti nel maggior sistema carcerario del mondo. Woodfox fa parte dei cosiddetti «Angola 3», tre detenuti afroamericani che rinchiusi nel famigerato carcere di Angola, negli anni 70 avevano costituito una cellula carceraria delle Pantere nere. I tre, Robert King, Herman Wallace e Woodfox, avevano organizzato proteste e petizioni contro gli abusi e le quotidiane ingiustizie che erano all’ordine del giorno, particolarmente nei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.