closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Un altro Giappone, un’altra Cina. E torna Capitan Harlock

Festival di Venezia, Estremo Oriente. Poco amato in patria dai nazionalisti l’ultimo Miyazaki, l’occhio impietoso su un manicomio dell’estrema periferia cinese nel documentario

Per un festival di Venezia che ci aveva abituati negli anni scorsi ad una presenza di opere estremo orientali, sia quantitativa che qualitativa, assai importante e significativa, l’offerta dell'edizione di quest'anno sarà un po’ più «povera». L'opera più importante quest'anno sarà senza ombra di dubbio, ma per una serie di motivi assai eterogenei, l'ultimo lavoro di Hayao Miyazaki, che parteciperà al concorso internazionale con il suo "The Wind Rises". In questo mese trascorso dalla sua uscita nei teatri giapponesi, in cui il film veleggia verso i 50 milioni di euro d’incasso, è stato detto e scritto di tutto. Opera senile,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.