closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Un altro deus ex machina sul piano inclinato della crisi

Draghi e non solo. La via tecnocratica, costruita con sofisticata ingegneria istituzionale, per ricondurre a «ordine» l’anomalia del voto del 2018, ridisegnando il sistema di governo

Il giuramento del governo Draghi al Quirinale

Il giuramento del governo Draghi al Quirinale

La Banca sopra la Politica, il Nord sopra il Sud, i maschi sopra le donne. Questa appare, ridotta all’essenziale, la struttura architettonica del nuovo governo: una fotografia perfetta dello stato di cose esistente e delle sue inamovibili gerarchie. Non può sfuggire a nessuno, intanto, che l’ex governatore di Bankitalia e della Bce ha riservato a sé e ai propri fedelissimi il controllo della cassaforte, in primis del «tesorone» in arrivo dall’Europa, perché la gestissero con l’unica logica che gli uomini di banca conoscono: quella del denaro che rispetta solo se stesso (e che va dove già ce n’è). E che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi