closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Umanità sperduta in mondi chiusi senza memoria

A teatro. «Io Sono il Bianco del Nero» è una creazione della coreografa Susanna Beltrami

Una scena dello spettacolo

Una scena dello spettacolo

Io Sono il Bianco del Nero è una creazione della coreografa Susanna Beltrami, coprodotta lo scorso autunno dal festival Milanoltre e ContArt e riproposta a fine gennaio negli spazi superlativi della DanceHaus di via Tertulliano. Lo spettacolo sfrutta in due stanze attigue la molteplicità architettonica della DanceHaus, mettendo in scena dodici interpreti in un lavoro presentato come operazione di teatro totale, da The Waste Land di Thomas Stern Eliot. Il bianco, si legge nella sinossi, è «assenza di memoria e colore del non ricordo», mentre i corpi dei danzatori sono simbolo di un’umanità sperduta. Le tante soluzioni coreografiche sono proposte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.