closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Ultimatum del Vaticano: l’ex priore Bianchi deve lasciare entro una settimana

Ultimo atto dello scontro. Al carismatico fondatore è stato ceduto un monastero in Toscana

Enzo Bianchi

Enzo Bianchi

Il Vaticano allontana Enzo Bianchi dalla comunità monastica di Bose, che egli stesso aveva fondato oltre cinquant’anni fa, con un provvedimento canonico estremo e inedito, perlomeno nella storia recente delle vicende ecclesiali. A Bianchi, infatti, viene ceduto «in comodato d’uso gratuito» l’intero monastero di Cellole, nei pressi di San Gimignano (Si) – che quindi cessa di appartenere alla comunità –, dove dovrà trasferirsi entro il prossimo 16 febbraio insieme ai suoi fedelissimi, con l’assoluto divieto di utilizzare i «nomi di Fraternità monastica di Bose, Monastero di Bose, o simili, nella pubblicistica, nella cartellonistica, nei siti internet». Visto che Bianchi –...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi