closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Uganda, lo scrittore Rukirabashaija «torturato in carcere»

«Uomini armati sfondano la mia porta. Dicono di essere agenti ma non sono in uniforme. Mi sono chiuso dentro». È il post concitato dello scrittore ugandese Kakwenza Rukirabashaija che precede il suo arresto, lo scorso 28 dicembre a Kampala, da parte dell’intelligence nazionale. Una settimana dopo Rukirabashaija, noto soprattutto per il romanzo The Greedy Barbarian e per la costanza delle sue critiche anche feroci nei confronti dell'eterno presidente ugandese Yoweri Museveni e della sua cerchia, secondo il suo legale Eron Kiiza presenta «evidenti segni di tortura, urina sangue e necessita di urgenti cure mediche». Già nel 2020 Rukirabashaija aveva denunciato un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.