closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

UE: per le colonie etichette diverse, non sono in Israele

Cisgiordania . Da oggi le merci prodotte negli insediamenti ebraici nei Territori palestinesi occupati, dirette in Europa, non potranno essere indicate come "Made in Israel". Netanyahu furioso sospende i colloqui diplomatici con l'Ue. Soddisfatta la leadership palestinese e qualche applauso arriva anche dagli attivisti israeliani

La zona industriale colonica di Barkan

La zona industriale colonica di Barkan

«L'Unione europea deve vergognarsi... È una decisione ipocrita che rivela un doppio atteggiamento: si applica solo ad Israele e non a 200 conflitti nel mondo...Non siamo disposti ad accettare il fatto che l'Europa contrassegni il lato attaccato da atti terroristici». Benyamin Netanyahu denuncia discriminazioni, tira in ballo il terrorismo, richiama le recenti violenze a Gerusalemme e via dicendo per condannare l'approvazione, avvenuta ieri anche con appoggio italiano, della "nota interpretativa" alle linee guida pubblicate dall'Ue ad aprile 2013 per l'etichettatura dei prodotti nei territori palestinesi e siriani occupati. In poche parole da oggi in poi, salvo ripensamenti e "congelamenti", le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi