closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ucraina, per l’indipendenza parate e parole care ai neonazisti

Ucraina. Celebrazioni per i 27 anni di indipendenza. Recuperato l’inno del fascista Bandera. Monito alla Ue: «I confini sono a est»

I tank militari a Kiev per la celebrazione dell'indipendenza ucraina

I tank militari a Kiev per la celebrazione dell'indipendenza ucraina

“Gloria all'Ucraina! Gloria agli eroi!”. Lo storico slogan delle milizie fasciste di Stepan Bandera è risuonato ieri per la prima volta durante la parata militare per i 27 anni dall'indipendenza ucraina. Una decisione presa, non senza polemiche e contestazioni, dal ministero della difesa ucraino qualche settimana fa. La parola d'ordine “Gloria all'Ucraina! Gloria agli eroi!” era assurta alle cronache anche durante i recenti campionati mondiali di calcio in Russia quando il calciatore croato Domogoj Vida in segno di scherno verso il paese ospitante lo aveva ripetuto aggiungendoci anche un significativo “Belgrado bruci!” Il presidente ucraino Petr Poroshenko poi, dal palco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi