closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Ucicky, Plante, De Sisti, tra Giovanna d’Arco ed eros

Loquasto International Film Festival. Besson, Bresson, DeMille, Dreyer, Dumont, Rivette, Rossellini, ma sono solo i più significativi...

Besson, Bresson, DeMille, Dreyer, Dumont, Rivette, Rossellini, ma sono solo i più significativi... Tra muto e sonoro, della personalità storica Giovanna d’Arco, del suo potenziale simbolico, dell’iperbole dei suoi «adattamenti» figurativi è attraversata ad oggi l’intera storia del cinema, e la Storia in generale, se anche la Germania degli anni Trenta del secolo scorso, nella sua nefasta prospettiva politica se ne appropriò disinvoltamente, con la «Das Madchen Johanna» (1935) di Gustav Ucicky (austriaco figlio di Klimt, collaboratore di Michael Curtiz prima dell’esilio di quest’ultimo negli Stati Uniti, e poi stabile regista di fede hitleriana). Al termine della Guerra dei Cento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi