closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Uccisa famiglia curda: «Ankara fomenta l’odio»

Turchia. Sette morti, la loro casa data alle fiamme. A maggio erano stati aggrediti da 60 persone: «Siamo i lupi grigi, non potete vivere qui». L'Hdp accusa il governo di incitare alla violenza contro i curdi

Hanno attaccato la loro casa a Konya, nel distretto di Meram, li hanno uccisi con colpi di pistola e poi hanno dato fuoco all’abitazione: così sono morti sette membri della famiglia curda Dedeogullari, venerdì sera, in Turchia. Sette persone che vivevano lì da 24 anni e che avevano subito altre aggressioni e minacce. Tutte denunciate alla polizia, senza risultato. Il motivo lo hanno dato ieri la procura (che ha fermato dieci sospetti) e i ministri degli Interni Soylu e della giustizia Gul: non si è trattato di un crimine d’odio o razzista, ma «di una disputa che va avanti da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.