closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Tutto il pomeriggio davanti al lago

Eftimios  7/41. Cercavamo una terra per una casa, era il 1976. Avevamo già perlustrato i dintorni di Roma verso est, la Salaria, e la Nomentana - ricordo una casetta vuota a un passo dai binari della ferrovia, poi verso sud, poco - i latini sono chiassosi, e verso ovest, l’Aurelia fino a Cerveteri. Restava il nord, l’Etruria meridionale. Ci arrivammo con un’amica di Alexandra, madre di Eftimios e Nefeli. Lasciamo la Cassia prima di Sutri, a sinistra, poi a destra, una strada sterrata che sale s’imbuca dentro un bosco e poi, di colpo, esplode di lato a noi il lago...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi