closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Tutti/e femministi/e (con Dior)

In una parola. La rubrica settimanale a cura di Alberto Leiss

Ho visto solo qualche giorno fa – in una bella foto sull’inserto Io donna, del Corriere della sera – la maglietta firmata Dior con la scritta «we should all be feminist». Titolo del libretto di Chimamanda Ngozi Adichie, tradotto in Italia da Einaudi col titolo «Dovremmo tutti essere femministi». La notizia, devo riconoscere, è vecchia. Se ne è parlato quando l’italiana Maria Grazia Chiuri, prima donna alla guida di Dior, ha inventato la t-shirt con la scritta, inserendola nella collezione primavera-estate 2017. Un capo che, nella versione originale, costa circa 500 euro. Ma la moda «di classe» si è difesa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.