closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Tutti gli Orbán d’Europa non cambiano idea»

Ungheria/Intervista. Il sociologo Attila Melegh: «Il premier cambierà la Costituzione, come vuole l'estrema destra. Manca un'opposizione di apertura, le classi popolari abbandonate ai populisti»

Budapest, manifestazione dell'opposizione contro il premier Vicktor Orbán

Budapest, manifestazione dell'opposizione contro il premier Vicktor Orbán

Solo il 39,9% degli ungheresi ha votato al referendum sul “ricollocamento coercitivo di cittadini non ungheresi”, ma il 98,3%, pari a 3,2 milioni di votanti, ha dato ragione a Viktor Orbán e al rifiuto di accoglienza e solidarietà nella Ue, che chiede a Budapest di accettare 1296 candidati all’asilo politico, presenti in Italia o in Grecia. Il referendum non è valido, ma Orbán ha fatto il pieno di voti, e contro i profughi ha raccolto una cifra superiore a quella che si espressa nel 2003 a favore dell’entrata nella Ue (3,05 milioni). Il sociologo Attila Melegh, professore all’Università Corvinus di Budapest,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi