closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Turismo, agricoltura e infrastrutture: tutte le concessioni a Renzi

Piano di Ripresa. Recovery Fund, nel testo finale raccolte le richieste di Italia Viva. Più spazio a nuovi progetti e trasversalità su donne, giovani e Sud

Turisti agli Uffizi di Firenze

Turisti agli Uffizi di Firenze

La versione finale del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) raccoglie buona parte delle critiche di Italia Viva. Le 172 pagine messe a punto dai ministri Gualtieri, Amendola e Provenzano - tutti e tre del Pd - sono un documento molto democristiano, un esercizio di equilibrismo che cerca di accontentare tutti ma che allo stesso tempo migliora nettamente la prima versione - preparata dai soli Conte e Amendola - aumentando la quota di investimenti, dando più spazio a nuovi progetti e riuscendo a dare un buon tratto di organicità sistemica all’uso dei fondi europei. SE IL RADDOPPIO DEI FONDI...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi