closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Turchia, la continuità dei pogrom

Storia e presente. 5 settembre 1955 in Turchia: violenze, alimentate dai media, contro la minoranza ellenofona. Oggi come allora lo schema è lo stesso: notizie false, mobilitazione di cittadini armati e linciaggi

I tank dell’esercito turco a Istanbul durante il progrom del settembre 1955

I tank dell’esercito turco a Istanbul durante il progrom del settembre 1955

La Turchia oggi «ospita» circa 5 milioni di rifugiati provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan. Nel Paese, questo flusso migratorio che ha causato un sostanziale cambiamento negli equilibri sociali, economici e demografici è stato accompagnato da un sistematico linciaggio mediatico e dalla diffusione di notizie false sui social media. La disumana gestione del fenomeno da parte del governo, insieme al malcontento collettivo legato alle dinamiche interne, hanno portato a dei momenti di vera e propria «caccia al rifugiato» in diverse parti del Paese, che ricordano tristemente i pogrom del passato. UNA SITUAZIONE, questa, comune nei momenti di crisi nella vita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.