closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Turbolenze celesti e cambiamenti climatici inevitabili

Scaffale. «Campati per aria» di Mauro Van Aken, per Elèuthera. Un percorso di ricerca antropologica che ha come oggetto il cielo, divenuto in sei capitoli un vero e proprio «terreno», luogo in cui i fenomeni atmosferici vengono reinterpretati come fatti culturali

Il volume Campati per aria di Mauro Van Aken (Elèuthera, pp. 272, euro 18) è uno straordinario percorso di ricerca antropologica che ha come oggetto il cielo, divenuto in sei capitoli un vero e proprio «terreno», luogo in cui i fenomeni atmosferici vengono reinterpretati come fatti culturali o, per dirla con Marcel Mauss, fatti sociali totali. Noi oggi non guardiamo più il cielo tentando di carpirne segreti, presagi o semplicemente tempi di semina, ma leggiamo il meteo sugli smartphone per tentare di prevederne i capricci. In altre parole, non abbiamo un rapporto col tempo atmosferico, così come non l’abbiamo più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi